Depressione Sintomi .it

  • Clicca qui per saperne di più
  • Facebook Page: 414632122038959
  • Linked In: pub/international-soc-of-psychology-isp/39/74/169
  • Twitter: Psichepedia
Messaggio
  • "Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per inviare informazioni in linea con le tue preferenze. Se continui nella navigazione o clicchi su un elemento della pagina accetti il loro utilizzo. Per maggiori informazioni clicca sui link sottostanti.

    Leggi l'informativa completa

    Leggi la Direttiva Europea

Disturbo ciclotimico
Scritto da Dott. Alessio Penzo Psicologo e Specialista in Biofeedback e Neurofeedback Mostra tutti gli articoli di questo autore.
Text

Disturbo ciclotimico

 


Secondo il DSM-IV-TR l’individuo con Disturbo Ciclotimico presenta per almeno 2 anni molti episodi ipomaniacali e sintomi depressivi che non sono sufficienti per la diagnosi di un Episodio Depressivo Maggiore. L’individuo ha quindi un’alterazione dell'umore cronica.

 

Per quanto riguarda i bambini e gli adolescenti la durata dei sintomi deve essere di almeno 1 anno.

 

-Durante questo periodo di 2 anni (1 anno nei bambini e negli adolescenti), l’individuo ha avuto periodi senza sintomi non superiori ai 2 mesi.

 

Dopo i primi 2 anni di Disturbo Ciclotimico possono presentarsi nell'individuo anche Episodi Maniacali o Misti (in questo caso si avrà la doppia diagnosi di Disturbo Bipolare I e Disturbo Ciclotimico), o Episodi Depressivi Maggiori (in questo caso si avrà la doppia diagnosi di Disturbo Bipolare II e Disturbo Ciclotimico).

- I sintomi descritti non sono meglio spiegati da un altro disturbo mentale.

-I sintomi non sono causati dall’assunzione di una sostanza, o ad una condizione medica generale (per es., ipertiroidismo).

-I sintomi causano all’individuo un disagio clinicamente significativo o compromissione del funzionamento sociale, lavorativo o di altre aree importanti.

 

Le variazioni cicliche dell'umore, rendono l’individuo imprevedibile e inaffidabile, per cui spesso le altre persone lo considerano strano e non gli danno fiducia. Spesso dunque è proprio la reazione degli altri a determinare la compromissione del funzionamento dell’individuo, il che aggrava la situazione creando un circolo vizioso.

 

L’età d’esordio di solito è molto precoce, in adolescenza o nella prima età adulta.
Secondo alcuni questo disturbo può rappresentare una predisposizione caratteriale ad altri disturbi dell'umore.

 

 Disturbi associati

 

 –        Disturbi Correlati a Sostanze

 

–        Disturbi del Sonno (difficoltà a prendere sonno e a mantenerlo).

 

 Epidemiologia

 

 –        La prevalenza del disturbo ciclotimico nella popolazione è compresa tra 0.4 e 1%.

–        Vi è la stessa percentuale tra maschi e femmine.

–        Se l'esordio avviene in età adulta può essere un Disturbo dell’Umore Dovuto ad una Condizione Medica Generale, come ad esempio la Sclerosi Multipla.

–        Di solito il disturbo si cronicizza.

–        Una percentuale tra 15-50% di individui sviluppa un Disturbo Bipolare I o II.

 

 Familiarità

 

      C’è una familiarità per questo tipo di disturbi, nel senso che:

–        I parenti di primo grado di individui con Disturbo Ciclotimico presentano una più alta percentuale di Disturbo Depressivo Maggiore e di Disturbo Bipolare I o II.

 

–        Il Disturbo Ciclotimico è più comune nei parenti biologici di primo grado dei soggetti con Disturbo Bipolare I.

 

 ICD-10

 L’ICD-10 fornisce un elenco di sintomi che devono essere presenti durante i periodi di umore depresso e ipomania.

 

 


 
unregistered template Template by Ahadesign Visit the Ahadesign-Forum